Il vice-console britannico sig.Henderson inviò un rapporto all’ufficio affari esteri sui movimenti commerciali dell’area di sua competenza, ovvero quella livornese.

Oltre ad una approfondita analisi sui movimenti commerciali tra il Porto di Livorno e quelli provenienti dalle acque britanniche, venivano anche messe in evidenza le qualità dell’olio toscano e la imminente nascita di uno stabilimento termale, fondato da una società con sede a Genova, dove venivano elogiate le lavorazioni svolte per evitare l’inquinamento delle acque.

Allegato al rapporto c’era una approfondita analisi sullo stabilimento Acque della Salute dove si evidenziava una imminente grande risonanza e voga da parte della popolazione.

Di seguito l’articolo pubblicato dalla Gazzetta Livornese dell’8 luglio 1904.